Incontri di "Fine Settimana"

chi siamo

relatori

don G. Giacomini

programma incontri
2018/2019

sede incontri

corso biblico
2018/2019

incontri anni precedenti
(archivio sintesi)

pubblicazioni

per sorridere

collegamenti

rassegna stampa

preghiere dei fedeli

ricordo di G. Barbaglio

album fotografico

come contattarci

Etica sessuale ed etica della vita

Le tematiche della corporeità e della sessualità, che saranno oggetto di riflessione anche nel secondo ciclo del corso biblico tenuto da Lidia Maggi, continuano a suscitare accesi dibattiti nel nostro Paese. I temi dell'identità personale (gender, omosessualità...) o quello degli abusi (pedofilia...) occupano di frequente le pagine dei giornali e il dibattito politico.
Che l'insegnamento della chiesa sulla sessualità faccia problema lo riconosce esplicitamente lo stesso documento finale del recente Sinodo sui giovani, quando afferma che "frequentemente la morale sessuale è causa di incomprensione e di allontanamento dalla Chiesa, in quanto è percepita come uno spazio di giudizio e di condanna." (par.39) C'è pertanto molto su cui riflettere e confrontarsi anche all'interno delle comunità cristiane per affrontare la morale sessuale con spirito nuovo mettendo al centro la qualità e la bellezza della relazione, alla luce del vangelo e dell'esperienza umana. La voce di uno psicanalista, Andrea Bocchiola, e quella di un teologo moralista, Giannino Piana, ci aiuteranno nella ricerca.

Le vicende di Pergiorgio Welby, di Eluana Englaro, del dj Fabo, per indicare solo le più note, hanno riproposto con forza e spesso in modo lacerante i temi legati al fine vita. Eutanasia, suicidio assistito, accanimento terapeutico, testamento biologico sono temi che meritano forse più attenzione che clamore. Come affrontare in modo umanamente dignitoso l'ultima tappa dell'esistenza? È giusto negare il ricorso all'eutanasia quando la vita viene percepita come totalmente destituita di senso? Sul piano di un'etica umana è possibile, in casi estremi, ammettere l'autodeterminazione? La visione della vita come dono, propria del cristiano, non comporta dei limiti all'autodeterminanzione? Quando si può parlare di accanimento terapeutico? In gioco è il significato umano della vita e della morte con cui siamo chiamati a confrontarci. Sia il mondo laico che quello religioso registrano posizioni divergenti. Anche nelle chiese evangeliche battiste metodiste e valdesi italiane il dibattito è vivo come evidenzia l'ultimo documento su eutanasia e suicidio assistito, predisposto dalla loro Commissione Bioetica, presieduta dal Prof. Luca Savarino.

Login

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!