Incontri di "Fine Settimana"

chi siamo

relatori

don G. Giacomini

programma incontri
2018/2019

sede incontri

corso biblico
2018/2019

incontri anni precedenti
(archivio sintesi)

pubblicazioni

per sorridere

collegamenti

rassegna stampa

preghiere dei fedeli

ricordo di G. Barbaglio

album fotografico

come contattarci

"Vi ho tramesso ciò che ho ricevuto"

Sabato 7 febbraio 2009 prenderà avvio un breve ciclo di incontri dei "Fine Settimana", che quest'anno avranno come tema la trasmissione della fede alle nuove generazioni e alle donne e agli uomini di oggi.
Il corso proposto continua e sviluppa la riflessione svolta lo scorso anno sulla centralità della Parola di Dio nel cammino e nella vita delle comunità cristiane. La Parola accolta, dal cui ascolto nasce la comunità dei credenti, chiede di essere a sua volta annunciata, vissuta, testimoniata.
Si parla spesso ai nostri giorni di emergenza educativa, di crescenti difficoltà da parte delle persone adulte di trasmettere valori, orientamenti, prospettive di fede alle nuove generazioni. Il primo passo necessario per affrontare le difficoltà e i problemi consiste nel saper leggere la realtà di oggi, nel rendersi conto di quali cambiamenti sono intervenuti. Come ricordava lo scorso anno fr. Enzo Biemmi, la trasmissione della fede non è qualcosa di facile o di scontato, sia perché credere è un'avventura impegnativa, sia perché un numero sempre maggiore di persone ritiene che sia possibile vivere umanamente senza far ricorso alla fede. Questa nuova situazione non va letta solo in termini negativi ma come una nuova opportunità. La fine di un mondo in cui si era credenti per nascita può favorire l'alba di una fede come adesione libera, l'alba di una buona notizia annunciata liberamente a chi liberamente la vuole accogliere. Dobbiamo ricuperare la dimensione della libertà. In una società pluriculturale la fede torna al suo statuto originario di proposta libera e di adesione libera. È quanto affermava con altre parole il cardinal Martini (Conversazioni notturne a Gerusalemme): "Ai giovani non possiamo insegnare nulla, possiamo solo aiutarli ad ascoltare il loro maestro interiore. Suonano strane, ma sono parole di Sant'Agostino".
In questa prospettiva il corso di quest'anno propone anzitutto una lettura della realtà sociale e culturale di oggi per cogliere sia le nuove difficoltà ma anche le nuove opportunità alla trasmissione della fede (prof. Luigi Berzano). Un secondo momento riguarda la riflessione biblica. In qualsiasi forma di evangelizzazione il primato spetta alla parola di Dio: la comunità dei credenti nasce dalla Parola che va ascoltata celebrata e vissuta. Il biblista Ernesto Borghi prenderà soprattutto in considerazione i racconti dell'Ultima Cena. Battista Borsato, direttore dell'ufficio di pastorale familiare della diocesi di Vicenza, tratterà della responsabilità della famiglia e della comunità cristiana nel proporre la fede alle nuove generazioni. Infine un ultimo incontro a due voci, ancora in fase di definizione, porrà l'attenzione sulla centralità della carità nell'annuncio cristiano, sia sul piano della riflessione teorica che su quello della testimonianza concreta.

Login

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!