Incontri di "Fine Settimana"

chi siamo

relatori

don G. Giacomini

programma incontri
2018/2019

sede incontri

corso biblico
2018/2019

incontri anni precedenti
(archivio sintesi)

pubblicazioni

per sorridere

collegamenti

rassegna stampa

preghiere dei fedeli

ricordo di G. Barbaglio

album fotografico

come contattarci

Speranze dell'uomo e speranza cristiana

L'argomento che per due anni è stato oggetto del corso di teologia, "L'uomo d'oggi di fronte al Cristo", ci sembra che possa essere ulteriormente sviluppato e precisato. Di qui la scelta di uno dei problemi decisivi e drammatici nel nostro tempo, quello della speranza, o più esattamente il problema delle speranze umane e della speranza cristiana.
L'oggi senza un domani non ha senso.
Quali le speranze, quali i desideri che danno significato alla nostra vita, per quale domani ci battiamo e per chi? Siamo forse, inconsapevolmente o no, attratti da desideri, da speranze e da miti fabbricati da altri che finiscono col farci evadere da noi stessi in forma alienante, eludendo un rapporto corretto ed impegnato con gli altri uomini?
Donde provengono, come si diffondono, perché si accettano i falsi modelli ai quali talmente ci adattiamo al punto da non essere più noi stessi, senza nemmeno accorgerci?
La famiglia, la scuola, i mezzi di comunicazione, le concezioni politiche e di pensiero, la religione stessa come possono generare vere o false speranze? Quali le radici del desiderio nel fondo costitutivo dell'uomo? Che rapporto hanno i desideri, le speranze umane con la speranza che il Cristo ci ha rivelato? Quali le dimensioni della speranza del cristiano che vive immerso e corresponsabile nella storia del mondo?
Ed oltre il muro della morte che senso ha la speranza, oggi?
Gli interrogativi possono susseguirsi all'indefinito.
Abbiamo inserito anche una testimonianza che, dal vivo, ci possa dare una chiarificazione alla domanda, che spesso ricorre: se e in quale misura le scienze e le tecniche possano costituire speranze per l'uomo.
Ed ancora ci domanderemo, raccogliendo alcune esperienze: che cosa abbiam fatto della speranza per la quale son vissuti, hanno faticato e son morti gli uomini che ci hanno preceduto?

Il ritmo degli incontri sarà all'incirca quindicinale, in modo da poter dare spazio ai gruppi di studio. Come negli anni scorsi verranno curate alcune traduzioni sul piano liturgico.

Login

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!